Le ultime notizie selezionate e raccolte

SAFEGUARDING: NOMINA RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DI ABUSI, VIOLENZE E DISCRIMINAZIONI SU I TESSERATI

 – PROROGATO AL 31 DICEMBRE 2024 –

PER ASD e SSD

Tutte le ASD e SSD sono tenute, entro il 1° luglio 2024, a nominare un Responsabile per la protezione dei minori mediante apposita delibera del Consiglio Direttivo.

Il nominativo del Responsabile dovrà essere comunicato al Responsabile Nazionale delle Politiche di Safeguarding di US ACLI all’indirizzo email ufficiogarante@us.acli.it

Inoltre, è necessario effettuare l’affissione presso la sede dell’ASD o SSD e la pubblicazione sul sito internet del nominativo del Responsabile, indicando anche il contatto email e/o telefonico.

PROPOSTA DI VERBALE  finalizzata all’adempimento delle NORMATIVA SAFEGUARDING

 

FAQ. – risposte alle domande più frequenti

  1. Che succede se non riesco a nominare il Responsabile entro il 31° Dicembre prossimo?

Il termine è previsto dal Regolamento US ACLI in ottemperanza alla delibera CONI 255/23. Il mancato rispetto determina l’eventuale irrogazione di sanzioni disciplinari da parte dell’Organismo di affiliazione (US ACLI).

  1. In caso di Associazione polisportiva debbo nominare un Responsabile per ogni settore sportivo o è sufficiente che sia uno unico per tutta la polisportiva?

È sufficiente che vi sia un unico Responsabile per la protezione dei minori.

  1. Il Responsabile può svolgere l’incarico in più ASD e SSD diverse affiliate sempre a US ACLI?

Non vi sono preclusioni e il Coni consente alle EPS di dotarsi di un Safeguarding office in comune in convenzione con altri enti; l’importante è che il Responsabile non rivesta incarichi gestori interni alle ASD/SSD che non lo rendano terzo e indipendente.

  1. L’obbligo riguarda anche i Comitati Regionali e Provinciali di US ACLI e le Associazioni di promozione sociale?

No, l’obbligo è per le sole ASD e SSD iscritte al Registro nazionale attività sportive dilettantistiche.

  1. Il Responsabile può essere un dirigente o altra figura interna all’ASD/SSD? È da prevedere l’attribuzione di un compenso?

Per assicurare rispetto dei principi CONI di autonomia e indipendenza richiesti per l’assolvimento dell’incarico anche rispetto all’organizzazione sociale, è opportuno che la nomina riguardi un soggetto esterno che non svolga funzioni operative nelle aree di rischio e non sia sottoposto a rapporto gerarchico con l’ASD/SSD e a cui attribuire compenso anche in ragione delle responsabilità, professionalità ed esperienza richiesti, da regolare con contratto sia sugli obblighi, sia su trattamento economico e durata.

  1. Dobbiamo richiedere il certificato del casellario giudiziale al Responsabile protezione minori?

Non ci sono chiarimenti sul punto. Si ritiene tuttavia consigliabile richiedere il certificato tenuto conto che tale obbligo sussiste per chi svolge attività che comportino contatti diretti e regolari con minori, al fine di verificare l’esistenza di condanne per taluno dei reati di cui agli artt. 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale.

Area riservata

Inserisci le tue credenziali per accedere ai contenuti riservati

Se sei una Società affiliata US Acli utilizza il tuo codice di affiliazione come "user" e il codice fiscale del Presidente della Società come "password"